INVITED

John Barbur

John Barbur

Info

John Barbur – Centre for Applied Vision Research, City, University of London, London, UK

http://www.city.ac.uk/avrc

Title

Chromatic sensitivity in normal trichromats and in congenital and acquired deficiency – implications for employment

Abstract

The spectral content of the light reflected from objects carries useful information about their chemical composition and surface properties. This can often be of advantage and the perception of ‘colour’ has evolved as important attribute of vision to achieve this aim. ‘Colour’ vision (CV), is of great value in enhancing our visual performance since it enables us to represent and use effortlessly information carried in the spectral composition of the light.

Not all of us benefit from normal CV and although colour perception is not a key requirement in everyday life, in some safety-critical jobs, it can be a matter of life and death. The correct interpretation of air traffic landing lights, railway signals and electrical wiring is a safety-critical task for which good colour perception is vital.

Normal trichromatic CV relies on the normal functioning of L, M and S cones. Some subjects do not have three functioning cone types or in some cases rely on pigments that differ in spectral responsivity to those found in normal trichromats. Congenital RG colour deficiency affects ~ 8% of men and less than 1% of women. The presence of anomalous red / green (RG) or yellow / blue (YB) signals leads to reduced chromatic sensitivity as well as changes in the perceived colour of objects. Many subjects with anomalous, trichromatic CV can still make use of their residual RG signals and their normal YB vision to perform the suprathreshold, colour-related tasks encountered in safety-critical, working environments as well as normal trichromats. Since these subjects should not be discriminated against on the basis of their colour deficiency, recently it has become more important to improve the sensitivity and specificity of our tests, and in particular, the ability to quantify accurately the severity of CV loss.

Recent advances in colour assessment make it possible to detect congenital / acquired deficiency with close to 100% sensitivity and specificity and, more importantly, to also quantify accurately the severity of CV loss. The Colour Assessment and Diagnosis (CAD) test achieves these aims, but the fully calibrated equipment needed is expensive and the full test requires ~ 14 minutes to complete. The development of a rapid, sensitive and inexpensive CV screener that can be administered quickly and efficiently would solve these problems. If such a screener was available for use within schools and visually demanding occupations, only ~10% of male subjects would require full colour assessment to establish accurately the class of deficiency and severity of loss.

A new CAD-Screener developed to fulfil these requirements will be described. The screener takes just under three minutes to complete. Only ~ 3.8% of the least affected deutans pass. All normal trichromats and all protans are detected with 100% sensitivity and specificity. Further work is needed to make the CAD-Screener available on the web and to extend its use in schools and occupations.

Short Bio

John Barbur trained in Physics at Imperial College London where he also studied Optics and Visual Science. John combines fundamental vision science with applied and clinical research, which underpins a long record of research achievement and wider impact. 

Work on camouflage led to insights into the processing of luminance and colour signals with important applications in colour vision assessment. New research instrumentation and measurement techniques, developed by John, led to new methods for investigating mesopic vision, pupillometry, eye movements, spatial, temporal and chromatic vision, colour constancy and the effects of scattered light in the eye. The P_SCAN system enabled the discovery of new components of the pupil response that require the processing of stimulus attributes such as colour or motion in central areas of the visual cortex. The system made possible studies of normal colour vision, congenital and acquired deficiency and ‘Blindsight’.

 

As a Fulbright Scholar, John worked with colleagues at the Center for Visual Science at the University of Rochester, New York. This work led to studies on mesopic optimization of visual efficiency, medical aspects of fitness to drive, minimisation of ‘glare’ in lighting installations and mesopic optimization of lighting for residential streets. These studies supported the development of several Advanced Vision and Optometric Tests (AVOT), initially for research studies and later for more precise assessment of vision and severity of vision loss in demanding working environments such as aviation, seafaring and rail transport. The CAD (Colour Assessment and Diagnosis) test is now used throughout the world to assess pilots, firefighters, seafarers, police officers and air traffic controllers. Other AVOT tests are also being used to detect changes in visual sensitivity and oculomotor responses in early-stage, degenerative disorders of the brain and / or the retina and to evaluate treatment effectiveness in clinical trials. John and his colleagues are currently working on the development of novel tests for non-invasive assessment of retinal function and the validation of a highly sensitive and specific colour vision screener for use on the web with direct impact in schools and occupations. The Centre for Applied Vision Research at City, University of London is now recognised internationally as a leading centre in visual psychophysics and colour vision research. 

Adolfo Guzzini

Adolfo Guzzini

Info

Adolfo Guzzini – Presidente Emerito e Componente del Consiglio di Amministrazione di iGuzzini illuminazione, Presidente e socio del Gruppo FIMAG

Title

Rinascimento cromatico: l’esperienza al Cenacolo Vinciano e alla Cappella degli Scrovegni

Short Bio

Adolfo Guzzini (Recanati, 1941) è Presidente Emerito e Componente del Consiglio di Amministrazione di iGuzzini illuminazione, Presidente e socio del Gruppo FIMAG. E’, inoltre, Past President ISTAO (Istituto Adriano Olivetti) dal 2011, Consigliere del Comitato Leonardo dal 2009, e Past President In/Arch. Cavaliere del Lavoro dal 2004 e insignito della laurea honoris causa in Economia Internazionale dall’Università degli Studi di Macerata, ha ricoperto diverse cariche nel board di Confindustria nazionale, è Past President di Confindustria Marche, oltre che socio fondatore di Museimpresa.

Cofondatore con i fratelli diun’azienda di illuminazione d’arredonel 1959 – l’allora Harvey Creazioni, oggi iGuzzini -, la inizia a dirigere nel 1964 assumendo la carica di Presidente (1964-2018). Dalla metà degli anni ‘70, in breve tempo, la trasforma, fondando il settore dell’illuminotecnica in Italia e promuovendo la cultura della luce sia partecipando attivamente alla fondazione di associazioni di categoria (AIFAI-Assoluce, ASSIL, FederlegnoArredo) che contribuendo in maniera significativa, in qualità di Presidente AIFAI-Assoluce e in collaborazione col Cosmit (Comitato Organizzatore del Salone del Mobile Italiano), alla creazione della prima fiera internazionale specializzata per il settore dell’illuminazione d’arredo, Euroluce. Promuove attivamente negli anni l’innovazione in azienda, sviluppando collaborazioni con università e centri di ricerca nazionali e internazionali. In particolare, avvia dal 1982 campagne istituzionali per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della qualità della luce, orientamento oggi sintetizzato da iGuzzini nella vision Social innovation through lighting. Il suo impegno nella promozione della cultura della luce e del saper fare italiano gli ha procurato negli anni diversi premi e riconoscimenti. Tra questi, il Compasso d’Oro alla Carrieranel 2018, il Premio Leonardonel 2017, il Premio Imprenditore Dell’Anno EY2017 (categoria ‘Globalization’), il Premio scientifico ‘Capo D’Orlando’ sezione ‘Scienza ed Industria’nel 2016,ilPremio Imprenditore Olivettianonel 2011, il Premio Imprenditore dell’annoper la categoria ‘Quality of Life’di EY nel 2001, il Premio Leonardo per la qualitànel 2001.

   

Abstract

Rinascimento cromatico: l’esperienza al Cenacolo Vinciano e alla Cappella degli Scrovegni

Sin dalla sua fondazione, nel 1959, iGuzzini illuminazione si fa promotrice dello sviluppo di una cultura della luce da diffondere e salvaguardare. Un impegno che caratterizza tuttora le attività dell’azienda recanatese e che si esplica anche attraverso la tutela e la valorizzazione, con la luce, dei luoghi dell’arte e della cultura nel mondo. La vision Social innovation through lightingsi realizza quotidianamente con lo studio, il design e la produzione di soluzioni illuminotecniche che possano facilitare e ampliare la fruizione degli spazi culturali, artistici e museali, preservando le opere d’arte dal deterioramento e contribuendo attivamente alla loro esaltazione cromatica. Il programma di innovazione sociale Light is Backha permesso infatti di realizzare dei ‘restauri percettivi’ volti a restituire alle opere il loro splendore originale. Nel 2015 – a fianco dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro – iGuzzini ha realizzato il nuovo impianto di illuminazione del Cenacolo Vinciano, utilizzando apparecchi di ultima generazione capaci di esaltare la ricchezza cromatica e i dettagli del capolavoro leonardesco. Qualche anno più tardi, nel 2017, gli affreschi di Giotto all’interno della Cappella degli Scrovegni di Padova sono stati valorizzati con apparecchi a elevato CRI, per migliorare la percezione dei giochi di colore dipinti dal maestro toscano e garantire una fruizione più emozionale e immersiva dello spazio.

Magnolia Scudieri

Magnolia Scudieri

Info

Magnolia Scudieri – Director of  San Marco Museum in Florence from 1992 to 2015

Title

Colore e luce nell’arte dell’Angelico

Short Bio

Magnolia Scudieri è nata a Firenze, città dove ha compiuto gli studi umanistici, laureandosi in Storia dell’Arte medievale e Moderna. Nella stessa città di Firenze ha svolto la sua attività professionale nell’ambito della Soprintendenza ( prima Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici poi Polo Museale fiorentino ) dal 1980 al 2016. La sua esperienza professionale si è espletata in diversi settori, nei quali ha ricoperto funzioni direttive: territorio, museo, ufficio di coordinamento dei restauri e laboratorio di restauro. Nell’attività di tutela del comune di Fiesole si segnala particolarmente il riordino del Museo Bandini con il restauro dell’intera collezione di primitivi e di robbiane, e il restauro di numerose opere delle chiese del Comune. Dal 1992 al 2015 è stata direttore del Museo di San Marco e dal 1993 dell’Ufficio e Laboratorio Restauri . In qualità di responsabile di quest’ultimo ha promosso e diretto interventi di restauro condotti con ampio partenariato scientifico, tra i quali, il restauro della Croce Giottesca di San Felice in Piazza e il ciclo ottocentesco delle Statue degli Uomini Illustri del Loggiato degli Uffizi,  e ha partecipato, in qualità di membro della commissione di Direzione, al cantiere di restauro degli affreschi della cupola di Santa Maria del Fiore, e al progetto di monitoraggio dei protettivi sul Ratto delle sabine del Giambologna nella Loggia dei Lanzi. 

In qualità di direttore del Museo di San Marco ha focalizzato la sua attenzione sul Beato Angelico, di cui ha diretto il restauro delle lunette affrescate nel chiostro di sant’Antonino, quello della Crocifissione nella sala capitolare, del Trittico di san Pier martire , della Pala di Annalena, dell’Armadio degli argenti, dell’Imposizione del nome al Battista, del Graduale di San Domenico. Ha promosso e diretto il restauro della Biblioteca di Michelozzo, ideato il nuovo ordinamento, curato il catalogo. Fra le numerose mostre ideate e dirette nel Museo, corredate dalle relative pubblicazioni: quella su Fra’ Bartolomeo, la Miniatura del ‘400 a San Marco, Fra’ Giovanni Angelico. Pittore miniatore o miniatore pittore ?, Il Tabernacolo dei Linaioli del Beato Angelico restaurato, L’Angelico ritrovato. Studi e ricerche per la Pala di san Marco. In ogni attività di conservazione e di restauro ha particolarmente curato la cooperazione con i settori di ricerca scientifica applicata all’arte dando spazio alla ricerca scientifica come supporto insostituibile alla conoscenza e alla conservazione delle opere d’arte e cercando di allargare il campo d’azione della ricerca a tutti i materiali: dalla pittura su tavola all’affresco alla miniatura.

Tamara Lapucci

Tamara Lapucci

Info

Tamara Lapucci – Responsabile Area Test Clementoni

Title

Il colore nel mondo del giocattolo educativo. L’esperienza Clementoni.

Short Bio

Marchigiana, cresciuta sui Monti Sibillini, Tamara Lapucci si è laureata con lode in Scienze della Comunicazione all’Università degli Studi di Macerata. Dopo esperienze di studio e lavoro all’estero, ha poi conseguito un Dottorato di Ricerca in Scienze dell’Educazione, con specializzazione in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione. Lavora dal 2011 come ricercatrice al Dipartimento di Ricerca Avanzata della Clementoni di Recanati, azienda leader nel mercato del giocattolo educativo a livello nazionale e europeo. In particolare coordina l’Area Test, settore aziendale che si interfaccia quotidianamente con il mondo del bambino in generale e della scuola, per raccogliere dati su nuovi trend nel mercato del giocattolo, della tecnologia e dell’educazione, al fine di offrire prodotti innovativi e di qualità, costruendo scenari di ricerca e sperimentazione sul campo con bimbi, genitori e insegnanti in Italia e non solo. 

Abstract

Titolo intervento

Il colore nel mondo del giocattolo educativo. L’esperienza Clementoni

Abstract

Nell’intervento verrà tracciato un quadro dell’evoluzione del giocattolo educativo Clementoni dal 1963 ad oggi, concentrando l’attenzione sull’importanza del colore sia sotto il punto di vista della percezione che ne ha il bambino nelle varie fasce d’età, sia della percezione sociale-culturale legata all’aspetto merceologico e di comunicazione delle singole gamme di gioco e del brend.

PROGRAM

Local Organizing Secretary

E-mail: convegnocoloreXV@abamc.it
Phone: (+39) 0733/405124 (Monday-Tuesday-Friday 10.30-13.00); mobile (+39) 347 2762464

GdC-AIC Organizing Secretary
Veronica Marchiafava, PhD
gruppodelcolore@gmail.com

04 | 09 | 2019 afternoon

Preliminary workshop
“L’Archeometria per il colore nel restauro pittorico” at the Istituto di Restauro Marche (IRM)
Montecassiano, MC

Speakers:

Miquel Àngel Herrero-Cortell

Attraverso le pennellate. Immagini multibanda per lo studio dei dipinti: dalla tecnica d’esecuzione allo stato conservativo.

Questa presentazione propone una revisione dell’uso congiunto di una serie di immagini tecniche ottenute in diverse bande dello spettro elettromagnetico, attraverso vari casi di studio. Il sistema multibanda consente l’applicazione di una tecnologia non invasiva per l’esame di opere d’arte, attraverso l’osservazione trasversale del comportamento dei diversi materiali che compongono i dipinti. Indipendentemente dal loro colore, i pigmenti possono presentare diversi comportamenti spettrali quando osservati nelle bande infrarossa e ultravioletta, a seconda della loro natura chimica. Inoltre, questi colori possono mostrare proprietà diverse da quelle nel visibile, come trasparenza o fluorescenza. Il sistema può essere di grande aiuto per storici dell’arte, restauratori o tecnici dei beni culturali perché, pur essendo una tecnologia che fornisce informazioni preziose, è relativamente economica, facile da usare e serve come primo approccio, apportando dati su come è stato eseguito il dipinto e in quale stato di conservazione si trova.

Miquel Àngel Herrero-Cortell ha una laurea in Belle Arti all’Università Politecnica di Valencia, (UPV, 2007); é anche laureato in Storia dell’Arte all’Università di Valencia (UV, 2014). Ha conseguito due master: uno in Produzione Artistica con specialità in tecniche artisische (UPV, 2008) e l’altro in Conservazione e Restauro dei beni Culturali (UPV, 2011). Attualmente ha completato la sua tesi di dottorato in Storia dell’Arte all’Università di Lleida (UDL), che sarà discussa il prossimo ottobre. Fino ad ora, Herrero è stato docente di ricerca attraverso la concessione di un contratto FPU dal Ministero della Cultura nella laurea di Storia dell’Arte e nel Master di Analisis ed Expertise di Opere d’Arte dell’Università di Lleida. Inoltre, attualmente sviluppa buona parte del suo lavoro di ricerca presso il Centro d’Arte di Epoca Moderna (CAEM) dell’UDL, occupandosi dell’analisi tecnica dei dipinti, e della loro interpretazione.

Herrero collabora in vari gruppi e progetti di ricerca nazionali e internazionali dedicati allo studio della pratica della pittura, ai suoi aspetti materiali e procedurali e alla valutazione dello stato di conservazione. Ha svolto diversi soggiorni di ricerca internazionale presso il Dipartimento di Cultura e Civiltà (Università di Verona 2017), presso il Laboratorio di Analisi non Invasive su Opere d’Arte Antica e Contemporanea LANIAC, (Università di Verona 2018) e il Max Planck Kunsthistorisches Institute di Firenze (2018).

Negli ultimi anni ha partecipato a numerosi seminari, conferenze e congressi e ha regolarmente pubblicato articoli scientifici su riviste spagnole e internazionali, principalmente incentrate sullo studio tecnico dei dipinti.

Marcello Picollo

Spettroscopia d’immagine: sue applicazioni nello studio di superfici policrome piane. Presentazione di una nuova camera iperspettrale

Marcello Picollo, Andrea Casini, Filippo Cherubini, Costanza Cucci, Lorenzo Stefani

Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” – National Research Council (IFAC- CNR) – Via Madonna del Piano, 10 – 50019 Sesto Fiorentino (Florence) – Italy

Le tecniche di imaging iperspettrale sono ormai entrate in pianta stabile in musei e laboratori di restauro per lo studio di opere policrome bidimensionali con finalità di documentazione, di studio dei materiali presenti o come supporto ad altre indagini analitiche negli interventi di restauro.

A partire dal 2002 il laboratorio di spettroscopia applicata dell’IFAC-CNR ha disegnato e sviluppato un sistema di imaging iperspettrale per analizzare dipinti su supporto mobile. Nella presente comunicazione verranno riportati i passaggi salienti della realizzazione del prototipo IFAC-CNR e alcune sue applicazioni.

Inoltre, saranno presentate sia delle applicazioni su altre tipologie di manufatti artistici utilizzando strumentazione mutuate da applicazioni da aeromobile che fornite le prime informazioni su una nuovissima e compatta camera iperspettrale Specim IQ.

Possibilità di utilizzo della camera Specim IQ per lo studio su dipinti saranno discussi e analizzati in dettaglio.

Marcello Picollo, geologo (Università degli Studi di Firenze) con PhD in Fotonica (titolo tesi: “Study of artworks by using non-invasive UV-VIS-IR spectroscopic and THz-TDS imaging techniques”) presso University of Eastern Finland (UEF), Faculty of Science and Forestry, Joensuu (Finland), è dal 2001 ricercatore presso L’Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” del CNR (IFAC-CNR). Lavora dal 1991 allo studio di opere d’arte mediante tecniche spettroscopiche. In particolare si occupa di analisi di materiali artistici, quali pigmenti e coloranti, mediante tecniche spettroscopiche puntuali e areali non invasive. Dal 2009 è responsabile della linea di ricerca “Strumentazioni e metodologie spettroscopiche integrate per diagnostica e monitoraggio di beni culturali e ambientali”.

Per IFAC-CNR è coordinatore di collaborazioni scientifiche internazionali con la Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), Trevano (Lugano, Svizzera), con il Departamento de Conservação e Restauro, Faculdade De Ciências e Tecnologia, Universidade NOVA de Lisboa (DCR-FCT/UNL), Caparica (Portogallo) e con il National Institute of Information and Communications Technology (NICT) in Tokyo (Giappone).

Da aprile 2018 è presidente del Gruppo del Colore – Associazione Italiana Colore (GdC-AIC). È responsabile per Asia e Oceania dell’Infrared and Raman Users’ Group (IRUG), coordinatore dell’Area Tematica del Colore dell’Associazione Italiana di Archeometria (AIAr), di cui è stato membro del direttivo nel periodo 2011-17.

È stato uno dei due rappresentati italiani del Comitato Manageriale del COST Action TD1201 – Colour and Space in Cultural Heritage (COSCH, 2012-2016).

Coordinatore del Progetto “Il recupero di negativi e di positivi colore danneggiati dall’alluvione di Livorno: il caso dell’Archivio Fotografico Dainelli” (Memoria Fotografica) in cooperazione con la Regione Toscana.

È stato il responsabile dell’unità IFAC-CNR nel progetto THz-ARTE “Terahertz Advanced Research TEchniques for non-invasive analysis in art conservation” finanziato per gli anni 2013-2015 nell’ambito del programma di cooperazione scientifica e tecnologica congiunto Italia-Giappone, nel campo delle tecnologie applicate alla salvaguardia dei beni culturali, con ENEA-Frascati, NICT-Tokyp e NNRICP Nara.

Ha coordinato il gruppo di Spettroscopia Applicata dell’IFAC-CNR per il progetto “Conservazione preventiva dell’arte contemporanea” (COPAC, 2011-2013) bando P.A.R. FAS 2007-2013 REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 avviso pubblico regionale 2009 per il sostegno di progetti di ricerca in materia di scienze socio economiche e umane (Decreto 155/2010)in collaborazione con il Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM), Laboratorio di Scienze Chimiche per la Salvaguardia dei Beni Culturali (SCIBEC) del Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale dell’Università di Pisa, and Scuola Normale Superiore (SNS).

Ha partecipato ai progetti europei POPART “Strategy for the Preservation Of Plastics ARTefacts in museums collections” (2008-2012, FP7-ENV-2007-1 – Grant. N 212218) e LIDO “A LIght DOsimeter for monitoring cultural heritage: development, testing and transfer to market” (2001-2004, FP5-EVK4-CT-2000-00016).

Marcello Picollo in questi anni di attività di ricerca nel campo dei Beni Culturali ha fornito supporto analitico a restauratori e curatori di musei, gallerie e laboratori di restauro. Ha coordinato come relatore e correlatore dottorandi, stagisti e laureandi, oltre a seguire il lavoro di assegnisti di ricerca; ha partecipato a campagne di monitoraggio di chiese e ambienti museali; ha definito progetti di ricerca per collaborazioni internazionali.

Da gennaio 2011 insegna un modulo da 3 crediti all’interno del corso Metodologie fisiche per i Beni Culturali (tenuto dal Prof. Franco Lucarelli) corso di laurea triennale in Diagnostica e materiali per il restauro per la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Firenze. Da ottobre 2008 al 2010 è stato professore a contratto presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Firenze del corso ‘Elaborazioni delle Immagini’ per il corso di laurea triennale in Tecnologia per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali. È stato docente a contratto presso l’Università degli Studi di Ferrara dal 2005 al 2010 del corso ‘Tecniche Spettroscopiche’ nel corso di Laurea Specialistica/Magistrale Conservazione e Diagnostica di Opere d’arte Moderna e Contemporanea presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Ferrara.

È autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali, capitoli in libri e volumi di atti di congressi.

Programme

05 | 09 | 2019
09:00 | Registration

Opening

09:30 – 13:00 | Invited Tutorial
13:00 – 14:00 | Break
14:00 – 18:00 | Invited talk and oral sessions
18:00 | GdC-AIC Assembly

06 | 09 | 2019
09:00 – 13:00 | Invited talk and oral sessions
13:00 – 14:00 | Break
14.00 – 15.00 | poster session
15:00 – 18:30 | Invited talk and oral sessions

07 | 09 | 2019
09:30 – 12:00 | Invited talk and oral sessions / final remarks