INVITED

John Barbur

John Barbur

Info

John Barbur – Centre for Applied Vision Research, City, University of London, London, UK

http://www.city.ac.uk/avrc

Title

Chromatic sensitivity in normal trichromats and in congenital and acquired deficiency – implications for employment

Abstract

The spectral content of the light reflected from objects carries useful information about their chemical composition and surface properties. This can often be of advantage and the perception of ‘colour’ has evolved as important attribute of vision to achieve this aim. ‘Colour’ vision (CV), is of great value in enhancing our visual performance since it enables us to represent and use effortlessly information carried in the spectral composition of the light.

Not all of us benefit from normal CV and although colour perception is not a key requirement in everyday life, in some safety-critical jobs, it can be a matter of life and death. The correct interpretation of air traffic landing lights, railway signals and electrical wiring is a safety-critical task for which good colour perception is vital.

Normal trichromatic CV relies on the normal functioning of L, M and S cones. Some subjects do not have three functioning cone types or in some cases rely on pigments that differ in spectral responsivity to those found in normal trichromats. Congenital RG colour deficiency affects ~ 8% of men and less than 1% of women. The presence of anomalous red / green (RG) or yellow / blue (YB) signals leads to reduced chromatic sensitivity as well as changes in the perceived colour of objects. Many subjects with anomalous, trichromatic CV can still make use of their residual RG signals and their normal YB vision to perform the suprathreshold, colour-related tasks encountered in safety-critical, working environments as well as normal trichromats. Since these subjects should not be discriminated against on the basis of their colour deficiency, recently it has become more important to improve the sensitivity and specificity of our tests, and in particular, the ability to quantify accurately the severity of CV loss.

Recent advances in colour assessment make it possible to detect congenital / acquired deficiency with close to 100% sensitivity and specificity and, more importantly, to also quantify accurately the severity of CV loss. The Colour Assessment and Diagnosis (CAD) test achieves these aims, but the fully calibrated equipment needed is expensive and the full test requires ~ 14 minutes to complete. The development of a rapid, sensitive and inexpensive CV screener that can be administered quickly and efficiently would solve these problems. If such a screener was available for use within schools and visually demanding occupations, only ~10% of male subjects would require full colour assessment to establish accurately the class of deficiency and severity of loss.

A new CAD-Screener developed to fulfil these requirements will be described. The screener takes just under three minutes to complete. Only ~ 3.8% of the least affected deutans pass. All normal trichromats and all protans are detected with 100% sensitivity and specificity. Further work is needed to make the CAD-Screener available on the web and to extend its use in schools and occupations.

Short Bio

John Barbur trained in Physics at Imperial College London where he also studied Optics and Visual Science. John combines fundamental vision science with applied and clinical research, which underpins a long record of research achievement and wider impact. 

Work on camouflage led to insights into the processing of luminance and colour signals with important applications in colour vision assessment. New research instrumentation and measurement techniques, developed by John, led to new methods for investigating mesopic vision, pupillometry, eye movements, spatial, temporal and chromatic vision, colour constancy and the effects of scattered light in the eye. The P_SCAN system enabled the discovery of new components of the pupil response that require the processing of stimulus attributes such as colour or motion in central areas of the visual cortex. The system made possible studies of normal colour vision, congenital and acquired deficiency and ‘Blindsight’.

 

As a Fulbright Scholar, John worked with colleagues at the Center for Visual Science at the University of Rochester, New York. This work led to studies on mesopic optimization of visual efficiency, medical aspects of fitness to drive, minimisation of ‘glare’ in lighting installations and mesopic optimization of lighting for residential streets. These studies supported the development of several Advanced Vision and Optometric Tests (AVOT), initially for research studies and later for more precise assessment of vision and severity of vision loss in demanding working environments such as aviation, seafaring and rail transport. The CAD (Colour Assessment and Diagnosis) test is now used throughout the world to assess pilots, firefighters, seafarers, police officers and air traffic controllers. Other AVOT tests are also being used to detect changes in visual sensitivity and oculomotor responses in early-stage, degenerative disorders of the brain and / or the retina and to evaluate treatment effectiveness in clinical trials. John and his colleagues are currently working on the development of novel tests for non-invasive assessment of retinal function and the validation of a highly sensitive and specific colour vision screener for use on the web with direct impact in schools and occupations. The Centre for Applied Vision Research at City, University of London is now recognised internationally as a leading centre in visual psychophysics and colour vision research. 

Adolfo Guzzini

Adolfo Guzzini

Info

Adolfo Guzzini – Presidente Emerito e Componente del Consiglio di Amministrazione di iGuzzini illuminazione, Presidente e socio del Gruppo FIMAG

Title

Rinascimento cromatico: l’esperienza al Cenacolo Vinciano e alla Cappella degli Scrovegni

Short Bio

Adolfo Guzzini (Recanati, 1941) è Presidente Emerito e Componente del Consiglio di Amministrazione di iGuzzini illuminazione, Presidente e socio del Gruppo FIMAG. E’, inoltre, Past President ISTAO (Istituto Adriano Olivetti) dal 2011, Consigliere del Comitato Leonardo dal 2009, e Past President In/Arch. Cavaliere del Lavoro dal 2004 e insignito della laurea honoris causa in Economia Internazionale dall’Università degli Studi di Macerata, ha ricoperto diverse cariche nel board di Confindustria nazionale, è Past President di Confindustria Marche, oltre che socio fondatore di Museimpresa.

Cofondatore con i fratelli diun’azienda di illuminazione d’arredonel 1959 – l’allora Harvey Creazioni, oggi iGuzzini -, la inizia a dirigere nel 1964 assumendo la carica di Presidente (1964-2018). Dalla metà degli anni ‘70, in breve tempo, la trasforma, fondando il settore dell’illuminotecnica in Italia e promuovendo la cultura della luce sia partecipando attivamente alla fondazione di associazioni di categoria (AIFAI-Assoluce, ASSIL, FederlegnoArredo) che contribuendo in maniera significativa, in qualità di Presidente AIFAI-Assoluce e in collaborazione col Cosmit (Comitato Organizzatore del Salone del Mobile Italiano), alla creazione della prima fiera internazionale specializzata per il settore dell’illuminazione d’arredo, Euroluce. Promuove attivamente negli anni l’innovazione in azienda, sviluppando collaborazioni con università e centri di ricerca nazionali e internazionali. In particolare, avvia dal 1982 campagne istituzionali per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della qualità della luce, orientamento oggi sintetizzato da iGuzzini nella vision Social innovation through lighting. Il suo impegno nella promozione della cultura della luce e del saper fare italiano gli ha procurato negli anni diversi premi e riconoscimenti. Tra questi, il Compasso d’Oro alla Carrieranel 2018, il Premio Leonardonel 2017, il Premio Imprenditore Dell’Anno EY2017 (categoria ‘Globalization’), il Premio scientifico ‘Capo D’Orlando’ sezione ‘Scienza ed Industria’nel 2016,ilPremio Imprenditore Olivettianonel 2011, il Premio Imprenditore dell’annoper la categoria ‘Quality of Life’di EY nel 2001, il Premio Leonardo per la qualitànel 2001.

   

Abstract

Rinascimento cromatico: l’esperienza al Cenacolo Vinciano e alla Cappella degli Scrovegni

Sin dalla sua fondazione, nel 1959, iGuzzini illuminazione si fa promotrice dello sviluppo di una cultura della luce da diffondere e salvaguardare. Un impegno che caratterizza tuttora le attività dell’azienda recanatese e che si esplica anche attraverso la tutela e la valorizzazione, con la luce, dei luoghi dell’arte e della cultura nel mondo. La vision Social innovation through lightingsi realizza quotidianamente con lo studio, il design e la produzione di soluzioni illuminotecniche che possano facilitare e ampliare la fruizione degli spazi culturali, artistici e museali, preservando le opere d’arte dal deterioramento e contribuendo attivamente alla loro esaltazione cromatica. Il programma di innovazione sociale Light is Backha permesso infatti di realizzare dei ‘restauri percettivi’ volti a restituire alle opere il loro splendore originale. Nel 2015 – a fianco dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro – iGuzzini ha realizzato il nuovo impianto di illuminazione del Cenacolo Vinciano, utilizzando apparecchi di ultima generazione capaci di esaltare la ricchezza cromatica e i dettagli del capolavoro leonardesco. Qualche anno più tardi, nel 2017, gli affreschi di Giotto all’interno della Cappella degli Scrovegni di Padova sono stati valorizzati con apparecchi a elevato CRI, per migliorare la percezione dei giochi di colore dipinti dal maestro toscano e garantire una fruizione più emozionale e immersiva dello spazio.

Magnolia Scudieri

Magnolia Scudieri

Info

Magnolia Scudieri – Director of  San Marco Museum in Florence from 1992 to 2015

Title

Colore e luce nell’arte dell’Angelico

Short Bio

Magnolia Scudieri è nata a Firenze, città dove ha compiuto gli studi umanistici, laureandosi in Storia dell’Arte medievale e Moderna. Nella stessa città di Firenze ha svolto la sua attività professionale nell’ambito della Soprintendenza ( prima Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici poi Polo Museale fiorentino ) dal 1980 al 2016. La sua esperienza professionale si è espletata in diversi settori, nei quali ha ricoperto funzioni direttive: territorio, museo, ufficio di coordinamento dei restauri e laboratorio di restauro. Nell’attività di tutela del comune di Fiesole si segnala particolarmente il riordino del Museo Bandini con il restauro dell’intera collezione di primitivi e di robbiane, e il restauro di numerose opere delle chiese del Comune. Dal 1992 al 2015 è stata direttore del Museo di San Marco e dal 1993 dell’Ufficio e Laboratorio Restauri . In qualità di responsabile di quest’ultimo ha promosso e diretto interventi di restauro condotti con ampio partenariato scientifico, tra i quali, il restauro della Croce Giottesca di San Felice in Piazza e il ciclo ottocentesco delle Statue degli Uomini Illustri del Loggiato degli Uffizi,  e ha partecipato, in qualità di membro della commissione di Direzione, al cantiere di restauro degli affreschi della cupola di Santa Maria del Fiore, e al progetto di monitoraggio dei protettivi sul Ratto delle sabine del Giambologna nella Loggia dei Lanzi. 

In qualità di direttore del Museo di San Marco ha focalizzato la sua attenzione sul Beato Angelico, di cui ha diretto il restauro delle lunette affrescate nel chiostro di sant’Antonino, quello della Crocifissione nella sala capitolare, del Trittico di san Pier martire , della Pala di Annalena, dell’Armadio degli argenti, dell’Imposizione del nome al Battista, del Graduale di San Domenico. Ha promosso e diretto il restauro della Biblioteca di Michelozzo, ideato il nuovo ordinamento, curato il catalogo. Fra le numerose mostre ideate e dirette nel Museo, corredate dalle relative pubblicazioni: quella su Fra’ Bartolomeo, la Miniatura del ‘400 a San Marco, Fra’ Giovanni Angelico. Pittore miniatore o miniatore pittore ?, Il Tabernacolo dei Linaioli del Beato Angelico restaurato, L’Angelico ritrovato. Studi e ricerche per la Pala di san Marco. In ogni attività di conservazione e di restauro ha particolarmente curato la cooperazione con i settori di ricerca scientifica applicata all’arte dando spazio alla ricerca scientifica come supporto insostituibile alla conoscenza e alla conservazione delle opere d’arte e cercando di allargare il campo d’azione della ricerca a tutti i materiali: dalla pittura su tavola all’affresco alla miniatura.

Tamara Lapucci

Tamara Lapucci

Info

Tamara Lapucci – Responsabile Area Test Clementoni

Title

Il colore nel mondo del giocattolo educativo. L’esperienza Clementoni.

PROGRAM

Local Organizing Secretary

E-mail: convegnocoloreXV@abamc.it
Phone: (+39) 0733/405124 (Monday-Tuesday-Friday 10.30-13.00); mobile (+39) 347 2762464

GdC-AIC Organizing Secretary
Veronica Marchiafava, PhD
gruppodelcolore@gmail.com

04 | 09 | 2019 afternoon

Preliminary workshop
“L’Archeometria per il colore nel restauro pittorico” at the Istituto di Restauro Marche (IRM)
Montecassiano, MC

Programme

05 | 09 | 2019
09:00 | Registration

Opening

09:30 – 13:00 | Invited Tutorial
13:00 – 14:00 | Break
14:00 – 18:00 | Invited talk and oral sessions
18:00 | GdC-AIC Assembly

06 | 09 | 2019
09:00 – 13:00 | Invited talk and oral sessions
13:00 – 14:00 | Break
14.00 – 15.00 | poster session
15:00 – 18:30 | Invited talk and oral sessions

07 | 09 | 2019
09:30 – 12:00 | Invited talk and oral sessions / final remarks